Bambini e scuole

Con la presentazione di questo progetto, Artju cerca di seguire la scelta già diffusa in Canada, USA, Francia, Svizzera, Belgio, Slovenia (solo per citare qualche esempio) aprendo al mondo della scuola il proprio ventaglio di proposte attraverso il progetto IMPROJUNIOR.

Francesca Giombini

Il teatro è meraviglioso proprio in quanto mette in scena gli stati d’animo, coinvolge mantenendo nel contempo le distanze della vita vera. Il teatro è una scuola di emozioni come le fiabe per bambini.
(Paolo Crepet)

Scopri di più

Il progetto Improjunior
Lascia volare la fantasia

Obiettivo primario del percorso IMPROJUNIOR è lo sviluppo delle capacità espressive e aggregative dei ragazzi tramite l’utilizzo di tecniche teatrali, in particolare attraverso esercizi di improvvisazione, esaltando il confronto coi processi emozionali, con la propria espressività corporea e verbale, facendo emergere la creatività personale. L’interazione tra la conoscenza dei meccanismi teatrali, delle tecniche attoriali e drammaturgiche porta così a un percorso creativo individuale immediato, a una ricerca delle proprie capacità e potenzialità, positiva per l’autostima e la dinamica del gruppo.

Scuola Primaria

Finalità del percorso dedicato ai bambini tra i 5 e i 10 anni è lo sviluppo della fantasia e la capacità di creazione personale e collettiva. Un percorso di ricerca delle proprie potenzialità espressive, che attraverso il gioco e l’improvvisazione giungerà all’incontro col mondo del teatro. Lo stimolo dei processi creativi degli allievi seguirà questo percorso:

• Educazione all’espressione corporea
• Educazione alla comunicazione verbale e non verbale
• Educazione all’ascolto e all’attenzione
• Educazione alla ricerca mimico-sonora
• Creazione collettiva
• Opportunità di mettere in scena uno spettacolo interamente realizzato dai bambini

Scuola secondaria di primo grado

L’obiettivo fondamentale del percorso è lo sviluppo della capacità dell’allievo di costruire e/o trasformare storie, intrecci, personaggi e di sperimentare le strade percorribili in qualsiasi momento dell’atto creativo attraverso:

• Uso della voce
• Stimolo, ricerca e sviluppo dei meccanismi creativi sia attraverso la parola, più legata alla mente e alla razionalità, sia attraverso il corpo più istintivo e profondo
• Ricerca e costruzione del personaggi
• Analisi delle strutture e degli schemi di base dell’improvvisazione
• Creazione collettiva, sviluppo narrativo e drammaturgico dell’improvvisazione

Scuola secondaria di secondo grado

L’arte dell’improvvisazione è antica come il mondo e deriva dai teatranti greci, dai buffoni medievali, dai saltimbanchi, dalle maschere della commedia dell’arte. Fantasia e creatività sono le sue caratteristiche primarie. Non esistono né testo né sipario, tutto avviene sulla nuda scena che diviene il foglio di carta su cui scrivere una nuova storia, scritta e interpretata nello stesso momento. Il programma prevede il raggiungimento delle finalità mediante:

• Uso della voce
• Lavoro sul personaggio, creazione del monologo

• Sviluppo delle tecniche di concentrazione al fine di migliorare l’ascolto e l’attenzione
• Analisi delle strutture e degli schemi improvvisativi

• Creazione collettiva
• Sviluppo narrativo e drammaturgico delle improvvisazioni
• Analisi e pratica degli stili teatrali e letterari
• Opportunità della messa in scena di uno spettacolo interamente realizzato dagli studenti, secondo gli schemi degli spettacoli teatrali di IMPROTEATRO
• Opportunità di creare una rete di scambi con altri istituti di pari grado di altre città, con momenti di aggregazione e spettacolo comuni